domenica 12 marzo 2017

Girella amigurumi all'uncinetto

Ciao a tutti, carissimi e carissime!
Oggi che ne dite di una merenda? Magari con una girella al cioccolato?



Trovate lo schema originale sul blog http://grietjekarwietje.blogspot.it/.
Eccovi le mie istruzioni.


Con il giallo: in un anellino magico lavorate 6 maglie basse (mb)
2 mb in ogni maglia (m) (12)
1 mb, 2 mb in ogni m x 6 volte (18)
2 mb, 2 mb in ogni m 6 volte (24)
2 mb, 2 mb nella prima m, *3 mb, 2 mb nella m successiva* x 5 volte (30)
4 mb, 2 mb in ogni m x 6 volte (36)
1 mb in ogni m lavorando solo nell'asola dietro (36)
1 mb in ogni m (36)
1 mb in ogni m (36)

Con il rosso: lavorate una catenella (cat) di 52 maglie.
Lavorate 1 maglia alta (ma) in ogni m, partendo dalla terza catenella dall'uncinetto.
2 cat, voltate e lavorate 1 ma in ogni m.
2 cat, voltate e lavorate 1 ma in ogni m.
Fermate e tagliate il filo.

Con il marrone: lavorate una catenella di 62 maglie.
Lavorate 1 maglia alta (ma) in ogni m, partendo dalla terza catenella dall'uncinetto.
2 cat, voltate e lavorate 1 ma in ogni m.
2 cat, voltate e lavorate 1 ma in ogni m.
Fermate e tagliate il filo.

Mettete la striscia marrone con il dritto sotto, sistemate la striscia rossa a 1 cm dal margine destro di quella marrone e arrotolatele insieme. Dategli qualche punto per cucirle insieme. Inserite la girella rossa e marrone nella base gialla; cucite con qualche punto. Applicate qualche perlina in tinta sopra la girella... et voilà!

domenica 5 marzo 2017

Un po' di amigurumi all'uncinetto
per Pasqua

Ciao a tutti!
Finalmente si sente la primavera nell'aria. Oggi ho ho fatto una passeggiata in campagna con il Pupo, e ho visto nei prati violette, pratoline e tante primule, che io trovo bellissime, con quel color giallo burroso.



Ma, con la primavera, si avvicina anche la Pasqua. Così ho pensato che magari volevate fare qualche lavoretto all'uncinetto in vista delle feste. Quindi ho raccolto qui alcuni dei miei amigurumi pasquali; cliccando su un'immagine, vi si aprirà il post dove troverete lo schema e le spiegazioni per realizzare ogni amigurumi.
Buon lavoro e a presto!










giovedì 2 marzo 2017

Di yoga, minimalismo, rock, vacanze, armonica blues, bullet journal e colori!

A volte ritornano...
E infatti, dopo quasi un anno, rieccomi qua a scrivere un nuovo post sul mio blog. La vita è proprio fatta di corsi e ricorsi. Ogni tanto bisogna interrompere qualcosa, senza prendersela troppo se non si ha più voglia (o tempo...) di farla, e lasciare che sia: quando sarà il momento giusto, la voglia (e con lei anche il tempo) ritornerà, e si ricomincerà a farla.
Così è stato per il mio blog. A poco a poco i post sono diventati sempre più sporadici, fino a interrompersi del tutto. Inutile chiedermi perché: così è stato, e ho capito che certi flussi vanno accettati per come vengono; sforzarsi di nuotare contro corrente sarebbe sciocco e controproducente.
Ma ora la corrente mi ha riportato qui. Non è un «tornare indietro», perché in un anno di cose ne sono successe, anche se magari piccole; piuttosto, è stato un bel giro lungo, durante il quale ho fatto altre cose, ma ora la corrente mi ha riportato al blog, con qualche cosa in più che porto con me.


Ma quali sono queste piccole cose che sono successe? Be', qualcuna è indicata nel titolo di questo post, una specie di condensato di cose nuove che ho scoperto e che mi sono piaciute.

Innanzitutto (ma non in ordine d'importanza), lo yoga. Dopo due tentativi falliti anni fa, ho deciso di riprovarci, grazie a dei video che si possono trovare su YouTube. Li fa una ragazza molto brava. Alcuni sono brevi, di 6-10 minuti; altri invece sono di mezz'ora, e organizzati in successione: bisognerebbe farne uno al giorno per un mese intero. Io per ora sto seguendo il programma YogaRevolution: 31 lezioni, una diversa dall'altra, e mi piace molto. Chissà perché quegli altri due miei tentativi erano falliti...

Un'altra novità che ho scoperto è l'armonica blues. Sì, proprio l'armonica, diatonica per la precisione. Un giorno ho deciso di comprarmene una e provare a soffiarci dentro. Ho subito incontrato il primo ostacolo: nell'armonica non si soffia solo, ma si aspira anche (anzi, perlopiù si aspira), e se in un foro si soffia esce una nota, se si aspira ne esce un'altra. Poi, se si aspira con una certa tecnica, escono altre note ancora (ma questa è un'altra storia...). Ho iniziato per conto mio a strimpellare Oh Susanna, che ormai odio da tante volte l'ho fatta. Poi, però, ho deciso di cominciare a prendere lezioni da uno che sappia suonare davvero, e che suoni blues, roba tipo Muddy Waters, Jason Ricci, Little Walter... Avete presente Little Walter? No? Be', l'ultimo disco dei Rolling Stones l'avrete sentito, no? Ebbene, la canzone che passavano sempre alla radio è una cover di Little Walter; lì l'armonica la suona Mick Jagger, che non è Little Walter, ma comunque tanto di cappello! Nel frattempo ho anche cambiato armonica: ora uso una Tombo Lee Oskar che mi ha regalato il Pupo, ed è davvero ottima (se solo la sapessi suonare...).

In ordine sparso, cos'abbiamo ora di novità? Ah, sì: il bullet journal. Ne avete mai sentito parlare? In pratica, è un'agenda/diario, ma non preconfezionata come quelle che si comprano, bensì personalizzata: te la crei tu come ti è più comodo. In genere si crea un planner annuale, uno mensile, uno settimanale e uno (indovinate un po'...) giornaliero. Ma poi si possono aggiungere un sacco di altre cose utili, come i tracker, o le to-do-list e tutto quello che si vuole. Detto così può sembrare una cavolata, ma vi assicuro che non lo è: è utile e anche divertente. Ma ne parlerò più diffusamente in un altro post.

Poi: le vacanze. Anche qui, arriverà poi un post specifico, anche perché a breve avrò un bel po' di nuove foto da farvi vedere.

Il rock. Eh sì: dove c'è blues c'è anche rock. E per me, rock (classic rock) significa The Who. Non so se vi ricordate, ma in un post del lontano gennaio 2016 inserii, fra le cose che desideravo, andare a vedere un concerto degli Who. Ebbene, l'ho visto! E, se Ticketmaster si degna di mandarmi i biglietti che ho comprato sei mesi fa, fra meno di un mese ne vedrò anche un secondo!!! Chi l'avrebbe mai detto? Io non di certo. E poi, visto che non c'è due senza tre...

Minimalismo. Qui entriamo nella sfera del fashion. Mi sono accorta che il mio guardaroba sta diventando sempre più minimal: capi dalle linee pulite e in colori neutri e basici. Ormai, quando trovo un capo che mi piace, ne compro quattro, uno per colore: bianco, grigio, nero e beige (qualche volta ci aggiungo anche il blu: botta di vita!). Così è molto più facile abbinare il tutto, provare per credere!
Ma se da una parte sono neutra, dall'altra mi scateno con l'arcobaleno grazie al colouring. Conoscete questo passatempo? L'avete mai provato? E' davvero rilassante e piacevole. Ormai, grazie a vari regali del Pupo, ho una bella collezione di colouring book, soprattutto di Johanna Basford. In un altro post ve li mostrerò.

Bene: sarà che non scrivevo da un anno, ma questo post è venuto bello lungo, direi! Ora basta chiacchiere: vado a farmi un giro sui vostri bei blog, perché devo rimettermi in pari con voi e leggere le vostre novità.
Ciao e a presto!

sabato 5 marzo 2016

Il mio giardino del mese: marzo

Ed eccolo qua, finalmente! Il mio giardino di marzo! Marzo è uno dei miei mesi preferiti, insieme ad aprile e maggio. Ma marzo forse mi piace anche di più, perché, anche se è ancora inverno, già ci sono i segni della primavera e la natura si risveglia: spuntano i fiori, sbocciano le gemme, gli uccellini cinguettano scatenatissimi e in certe giornate si sente un'arietta tiepida per nulla invernale. E quindi ecco qua il mio collage del mese, con i primi fiorellini a colorare e profumare la campagna.


Ma quelle foto erano di un paio di giorni fa...
Guardate com'era il mio cortile stamattina, al mio risveglio. Sorpresa! La neve! Chi l'avrebbe mai detto?




sabato 23 gennaio 2016

Prodotti finiti del mese: dicembre 2015


Accidempoli!
Sono mesi che non posto sulla rubrica Consigli Beauty! C'è da dire che lo scorso anno ho postato poco in genere, e mi sa che anche prossimamente il tempo scarseggerà. Quindi approfitto di questo pomeriggio di domenica per parlarvi dei miei prodotti finiti del mese: dicembre 2015.

Balsamo idratante L'Oréal Elvive ricci sublimi
Decisamente niente di ché: i miei ricci sono rimasti gli stessi di sempre. Funziona solo per districare i capelli e rendere più agevole pettinarli.

Latte corpo Yves Rocher ai fiori di lillà
Buono, molto morbido e fluido al punto giusto. Ottimo profumo. Buona quantità.

Gel doccia Yves Rocher ai fiori di ciliegio
Era un flaconcino, ma è durato abbastanza perché fa una bella schiuma. 

Crema mani Yves Rocher
(Perdonate il flacone tagliato...) Questa è la mia crema mani per eccellenza: è valida e spesso in offerta si trovano due flaconi per €3. Buona profumazione. 

Maschera capelli riflessante Collistar colore rosso paprika
Mi ci trovo bene per camuffare i miei (pochi) capelli bianchi. Dura un paio di lavaggi (uno solo, se andate in piscina!), ma, stando a ciò che dice il mio parrucchiere, se dura poco vuol dire che non fa male al capello. Costa €15 circa, ma dura parecchio. 

Crema antirughe notte Yves Rocher
Mah... Io sulle creme miracolose antirughe sono sempre un po' titubante. Voglio dire: bastasse una crema! Però è piacevole da spalmare sul viso e dà una bella sensazione di elasticità alla pelle. 

Gommage pulizia viso L'Erbolario
Valido, ma niente di eclatante.

Crema contorno occhi L'Erbolario
Qui vale lo stesso discorso fatto per le creme antirughe. Questa, però, appena spalmata forse forse attenua davvero un pelino le borse sotto gli occhi. Se non altro, conferisce una certa luminosità. 

Gel occhi Wellmaxx
Ma che marca è? Boh! Fresco, niente di più.

Dischetti struccanti Crai
I miei soliti dischetti per levare il trucco. Costano poco e funzionano abbastanza bene.

Eccoci arrivati alla fine.
Alla prossima!
Ciao!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...